Il Patrimonio Culturale Immateriale

0
403
Patrimonio Culturale Immateriale
Condivisione culturale nel mondo

Il Patrimonio Culturale Immateriale comprende tutte le tradizioni tramandate di generazione in generazione. Dunque comprende: le pratiche sociali, il know-how, le conoscenze, le rappresentazioni, tutto ciò che è intangibile ma tramandabile. È determinante per mantenere vive le tradizioni e le culture dei popoli di fronte alla globalizzazione.

Nel 2003 a Parigi è stata stabilita, nella 32° edizione della conferenza generale dell’UNESCO, una convezione per la salvaguardia del Patrimonio Culturale Immateriale e quindi, essendo trasmesso di generazione in generazione, è costantemente ricreato dalle comunità per garantire l’interazione con la natura e la storia dando un senso d’identità e di continuità e quindi promuovendo il rispetto per la diversità umana.

Per essere iscritto in questa lista un elemento deve rispondere ai seguenti requisiti:

  1. “L’elemento candidato si costituisce come patrimonio culturale immateriale, come indicato nell’art. 2 della Convenzione;
  2. L’iscrizione dell’elemento contribuirà a garantire la visibilità e consapevolezza del significato di patrimonio culturale immateriale e a favorire il confronto, riflettendo perciò la diversità di cultura e la creatività dell’umanità;
  3. le misure di salvaguardia sono elaborate in modo da poter tutelare e promuovere l’elemento;
  4. L’elemento è stato candidato sulla base del più ampio riscontro di partecipazione da parte di una comunità, gruppi o, eventualmente, persone singole coinvolte con il loro libero, preventivo e informato consenso;
  5. L’elemento deve essere inserito in un inventario del patrimonio culturale immateriale presente nel territorio dello Stato proponente, come indicato dagli articoli 11 e 12 della Convenzione.”

si manifesta nei seguenti ambiti:

  • Tradizioni ed espressioni orali come canti, leggende fiabe e linguaggio, intese come patrimonio culturale intangibile;
  • Arti dello spettacolo come musica tradizionale, canti, teatro e balli tradizionali;
  • Pratiche sociali, riti e feste come processioni, cortei e feste stagionali;
  • Conoscenza e pratiche che riguardano la natura e l’universo;
  • Artigianato tradizionale.

L’UNESCO fino ad oggi ha riconosciuto come patrimonio culturale immateriale 677 elementi sparsi in 140 Paesi nel mondo. L’Italia ha ben 16 elementi iscritti in questa Lista. Di questi 16 elementi 4 sono legati all’enogastronomia:

Consulta gli articoli sulla Ricerca e Cavatura del tartufo in Italia, Dieta Mediterranea, sull‘Arte del Pizzaiuolo Napoletano e sulla Vite ad Alberello di Pantelleria tramite i link interni.