Viaggio verso nuovi orizzonti culinari con Gabriele Zanatta

Posted by  Eugenia Forestieri   in  ,      2 years ago     5734 Views     2 Comments  

Ogni epoca storica ha delle proprie caratteristiche in cucina. Sulla storia della cucina esistono solo appunti confusi perché l’arte di ben preparare e cucinare vivande non ha mai avuto dignità di scienza.

Gabriele Zanatta, in due lezioni per il master in comunicazione multimediale dell’enogastronomia, spiega che i tempi sono maturi per occuparsi dell’enogastronomia con approccio nuovo. La cucina contemporanea è la conseguenza di movimenti secolari di cui il professore spiega ogni passaggio. Con abilità di oratore, tratta di epoche profondamente diverse in cui il cibo assume importanza differente: il cibo come mezzo per sfamarsi, il cibo dei banchetti disordinati, l’affermazione del principio che un piatto deve essere buono da mangiare e bello da vedere e per contro attualissimi piatti di incredibile bruttezza e sorprendente gusto. Nulla è ciò che appare: un piatto è frutto di pensiero, combinazione perfetta di ricerca e fantasia. Il cibo che mangiamo è risultato culturale di ciò che viviamo.

Siamo nell’ epoca della “cucina d’autore” di cui Zanatta elabora un profilo dei principali esponenti. Invita Marianna Vitale ad intervenire a lezione e lascia, con generosità, spazio agli alunni per intervistare la cuoca stellata che racconta la sua storia professionale e le proprie aspirazioni per il futuro. La generosità di Zanatta si percepisce con maggiore forza nelle parole: “quando voi andrete”, augurio rivolto agli alunni di viaggiare e scoprire orizzonti culinari inesplorati per aprire la mente ai tabù alimentari. L’esigenza è parlare di ciò che si crea di buono per dare al lavoro, di chi cerca di distinguersi dalla massa, un valore.

Eugenia Forestieri, appassionata di viaggi e culture straniere, ha conseguito la laurea in Scienze Turistiche presso l'università degli studi della Calabria, si è specializzata in progettazione e gestione dei sistemi turistici presso l'università degli studi di Napoli Federico II, attualmente svolge un master in comunicazione multimediale dell'enogastronomia presso l'università Suor Orsola Benincasa con la collaborazione Gambero Rosso.

2 Comments

  1.   23 febbraio 2015, 20:10

    Ciao Pasquale, grazie per l’attenzione. In alcune scuole ci sono progetti di educazione enogastronomica. In particolare posso indicarti un progetto del Cilento in cui vengono insegnati ai bambini i valori della dieta mediterranea. In questa edizione del master partecipa un’antropologa, Giulia Ubaldi, che si occupa proprio di questo.

  2.   22 febbraio 2015, 13:36

    Ora è da un po’ che non vado a scuola… ma non potrebbero introdurre una sorta di “educazione enogastronomica”? Al posto della mia vecchia e cara “educazione ciNica” 🙂

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.