Nero (ma non di rabbia)

0
147

UNA VOLTA PROVATO IL MAIALE NERO
CASERTANO, E’ DAVVERO DIFFICILE TORNARE INDIETRO…

Baciata dal verde delle alture del matese, Faicchio sorge alle pendici dell’appennino sannita, in provincia di Benevento.
Proprio quella “Campania felix” che ha dato, forse, i natali, sicuramente il nome, ad una razza autoctona suina: il nero casertano, la cui pregiata carne è ormai nota ai palati di tutta la penisola per via delle sue qualità nutrizionali uniche quali la minor presenza di grassi e l’abbondanza di omega 3.
Non tutti però sanno che uno dei principali allevamenti di questo suino nero si trova proprio a Faicchio.
Le estese aree verdi che circondano questo suggestivo angolo di appennino campano fanno da cornice all’intraprendenza imprenditoriale dei coniugi Eugenio e Annamaria Tomaso, che negli ultimi anni hanno puntato molto sull’allevamento del nero casertano, ottenendo eccellenti risultati.
Nella loro tenuta I maiali godono di ampi spazi e di un sano ed equilibrato regime alimentare. Questi fattori, uniti alla passione che dal 1962 guida l’azienda nella produzione di salumi, rendono I “neri del Duca”(così si chiama la linea di carni fatte con suino di razza casertana) dei prodotti di altissima qualità caratterizzati da un sapore inconfondibile.

Dal prosciutto al guanciale, passando per il capicollo e il lonzardo, c’è davvero un nero del duca per ogni occasione.
Dunque, non avete più scuse! I neri del duca sono nelle migliori gastronomie campane e una volta provati, non tornerete più indietro. Perchè il nero casertano non è solo un ottimo maiale ma il simbolo di un’alimentazione equilibrata, degno portabandiera di quella dieta mediterranea patrimonio dell’unesco e riconosciuta in ogni angolo del globo come uno dei migliori modelli nutrizionali in assoluto.