Roberto Cupo a Città del gusto Napoli: “Formazione fondamentale in pizzeria”

0
40

La Gambero Rosso Academy Napoli ha chiesto a Roberto Cupo, 28 anni, giovanissimo esperto di impasti e farine, attualmente impegnato come tecnico consulente del Mulino Grassi di Parma, quanto conta la formazione per chi voglia diventare pizzaiolo

“A mio parere la formazione è fondamentale, perché ti permette di capire la scienza e la tecnica alla base degli impasti e ti rende libero! Il mio amore per la pizza inizia a 14anni, quando iniziai a lavora e in pizzeria, più per la voglia di guadagnare che per imparare un mestiere. Presto però mi sono innamorato del lavoro e ho capito che dovevo formarmi se volevo diventare qualcuno! Ho investito tutti i miei risparmi nella formazione, scegliendo dei maestri esperti, che per  erano dei punti di riferimento come Cristian Zaghini e Carlo di Cristo. Tuttora non smetto di studiare!  La formazione è importantissima! Da uno a dieci ? Undici! La figura del pizzaiolo gode ormai di una grande attenzione e può raggiungere in breve tempo un grande successo che però a mio parere sarà duraturo solo se oltre a saper fare la pizza, si è preparati e non si smette mai di formarsi e stare al passo con i tempi.”

Prosegue poi dicendo che “L’amore per la pizza e per gli impasti hanno bisogno di studio soprattutto e poi di pratica. La pratica è qualcosa che si può acquisire anche con il tempo, ma se non si studia la chimica e le tecniche alla base degli impasti, non si imparerà mai a fare un ottimo impasto e oggigiorno – a mio parere- non ci si può più improvvisare pizzaioli, nemmeno all’estero!”.

Torniamo però sull’istruzione che serve per intraprendere questo percorso: “La formazione come un elemento di trasmissione e condivisione: chi ti forma ti passa la sua identità, la sua passione e la sua voglia di lavorare, per questo è importante affidarsi ad una buona scuola che sappia selezionare docenti sempre più validi per fornire la migliore formazione a chi vuole fare di una passione un vero e proprio mestiere”.

Cosa deve insegnare un buon corso di pizzaiolo? “Credo che un buon corso di pizzaiolo debba insegnare e realizzare tutti i tipi di impasto, da quello senza glutine e quello ad alta idratazione e non solo quello tradizionale,come fate qui alla Gambero Rosso Academy”.

Roberto Cupo è docente del corso Professione Pizzaiolo alla Gambero Rosso Academy Napoli in partenza a gennaio 2010. Il corso, appositamente studiato per formare i pizzaioli del futuro, attraverso un percorso altamente pratico e finalizzato al rapido inserimento nel mondo del lavoro, conferma l’edizione 2019 con successo anche grazie all’apporto di docenti appositamente selezionati dal Gambero Rosso tra i migliori maestri pizzaioli d’Italia, e premiati nella Guida Pizzerie d’Italia.