Marsicani e la “Banda di sprovveduti all’arrembaggio” del mercato dell’olio alla presentazione della Guida Pizzerie 2020

0
214
benefici-olio-di-oliva

L’olio è un prodotto simbolo dell’Italia ed il suo uso è molto cambiato in questi anni, passando da condimento a vero e proprio ingrediente anche nell’immaginario comune e non solo nelle cucine stellate anche se c’è molta strada da fare.

Nel mondo dell’olio d’avanguardia un avventuriero con una 15ina di “sprovveduti all’arrembaggio”, parole sue, c’è Nicolangelo Marsicani: “Rappresentiamo un piccolissimo segmento del mercato. Non siamo né un consorzio, né un’associazione, siamo un’idea: per noi olio è extravergine d’oliva, senza difetti organolettici. Condividiamo con queste aziende questa mission. Produzione e proposizione degli oli extravergine. Insieme alla scuola d’assaggio più antica della Campania, Olium, abbiamo formato assaggiatori molto bravi e alcuni di questi sono diventati molto bravi architetti dell’olio perché con le diverse tecniche d’estrazione, con diverse cultivar, hanno creato oli diversamente buoni. L’idea era di mettere questa nostra idea di extravergine in testa a più aziende possibili. Noi ci presentiamo insieme perché non siamo gelosi del fatto che un cliente lo prenda tizio o caio perché si sarà aperta una nuova fascia di mercato”.

MARSICANI-pizzerie d'italia
MARSICANI-pizzerie d’italia

Un mercato florido e che lunedì al Circolo Canottieri Napoli durante la presentazione della Guida Pizzerie d’Italia con Gambero Rosso e Città del Gusto Napoli farà degustare alcuni dei migliori oli provenienti da tutta Italia, perché olio e pizza sono un binomio bellissimo e “Imprescindibile. L’olio è uno degli ingredienti nobili della pizza e la pizza è un ottimo veicolo per meglio fruire delle caratteristiche migliori degli oli” prosegue Marsicani, “Fortunatamente molti pizzaioli avveduti lo usano a crudo, per finirle le pizze e questo fa sì che le caratteristiche organolettiche dell’olio vengano mantenute intatte”.

Questo è molto importante perché anche il miglior prodotto può essere rovinato da un uso sbagliato ma spesso lo si fa inconsciamente perché, come dice Marsicani, “Si sa ancora troppo poco dell’olio e ancora si confonde extravergine con il semplice olio d’oliva o ancora peggio con quello di semi. E’ un dramma non solo per i produttori ma per i fruitori stessi perché spesso mangiano e pagano per un olio di bassa qualità senza saperlo, che invade il sapore del piatto” .
L’olio è un ingrediente che caratterizza l’Italia da secoli, trattiamolo bene.