La famiglia Varnelli.Quattro generazioni di distillati

Posted by  Monica De Lucia   in  ,      1 year ago     633 Views     Leave your thoughts  

Conservare gli antichi profumi della tradizione pur essendo un azienda leader nel settore della distilleria non è da tutti. La Distilleria Varnelli ci è riuscita. Nata nel 1868 a Pievebovigliana, nell’entroterra marchigiana, dalle competenze erboristiche di Girolamo Varnelli, l’azienda si è tramandata per quattro generazioni lasciando intatti i metodi di lavorazione, le ricette e le materie prime  a cui viene riservata grande attenzione: vengono, infatti, utilizzate solo erbe naturali provenienti dai monti Sibillini,  senza l’aggiunta di additivi chimici.

Glocal: questa è la direzione intrapresa dalla Distilleria Varnelli. Tradizioni secolari che si fondono all’utilizzo di nuove tecnologie e alla capacità di esportare un prodotto visceralmente legato al territorio. Una sorta di viaggio verso l’interno, alla riscoperta delle proprie origini non solo per tramandarle, ma anche per esportarle nel mondo. Ecco quindi la sinergia con Identità Golose, che quest’anno ha voluto rendere omaggio proprio al tema della libertà del viaggio.
La gamma di distillati presentata da questa azienda è ampia: dal liquore al mandarino allo Skipass: una crema al cioccolato fondente impreziosita dall’aroma di whisky. Si passa poi dalle classiche bagne, create per la pasticceria al Caffè Moka; liquore di vero espresso italiano. In questo viaggio degustativo le pietre miliari che, attraverso i sapori riescono a farci immergere nei  profumi dell’appennino marchigiano  sono gli amari alle erbe e  il classico Varnelli. L’Amaro tonico Digestivo e l’Amaro Sibillina, il cui nome ci rimanda alla Sibilla Appenninica,  sono dei decotti di erbe che richiedono lunghi tempi di cottura e  decantazione. Nel primo viene aggiunto il rabarbaro e il miele dei monti Sibillini, mantenendo  un colore chiaro nonostante non venga filtrato; nel secondo  invece  il colore appare più scuro per l’aggiunta di caramello come unico additivo.

Ma il simbolo di questa azienda è il Varnelli: anice secco, frutto della mescolanza di anice verde e anice stellato. Risultato di una lavorazione segreta è sicuramente il sovrano dei correttivi. In onore del caffè corretto la distilleria Varnelli ha creato Adesso: unione di Caffè Moka e Varnelli che richiama inoltre il sapore del “calzolaro” antico cocktail marchigiano che prende il nome proprio da un calzolaio, che durante la guerra, offriva questa bevanda per far riscaldare i suoi clienti. Ultimo tassello di questo viaggio è una linea creata appositamente per la mixology. Tre concentrati: Amaro Sibilla, Varnelli e Delizia ovvero un concentrato alla cannella, sintomo della capacità dell’azienda di innovarsi ed aprirsi a nuovi mercati.

About  

Giornalista pubblicista dal 2016, si è sempre interessata ed occupata di politica, nonostante abbia sempre avuto la passione per il mondo dell'enogastronomia. Per questo dopo la laurea in filosofia, che l'ha aiutata ad indagare sempre le mille sfaccettature di cui è composto il mondo, a ragionare in modo critico, ha deciso di seguire le sue inclinazioni ed occuparsi di comunicazione enogastronomica. Il cibo ha fatto sempre parte della sua vita, come un collante che alla fine tutti unisce e fa gioire. Ama conoscere e così la curiosità e il piacere legato al cibo sono diventati lo strumento principale di studio e di lavoro.

No Comments

No comments yet. You should be kind and add one!

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.